Spread the love
"I mobiles sono un aiuto al senso della vista. E’ stato osservato che bambini di soli 2-3 giorni riescono a rimanere concentrati anche 20-25 minuti nel guardare le immagini in bianco e nero del mobile Munari“.
(Maria Montessori)

 

 

I primi oggetti da presentare al neonato  già dalle prime settimane di vita sono i MOBILES: realizzati attraverso materiale leggero, ad esempio stecche di acciaio o bambù, filo di nylon o di cotone e figure geometriche o di altro tipo, costituiscono la prima attività sensoriale per il bambino, contribuendo a sviluppare l'osservazione e consentendo al bebè di mantenere l'attenzione.

Alla nascita il bambino ha un campo visivo di 20-30 cm: con l'allenamento riuscirà a seguire ad una certa distanza un oggetto che si sposta lentamente. Focalizzando lo sguardo sul mobile e seguendolo con gli occhi mentre si trova in movimento, svilupperà la capacità di esplorare visivamente il mondo, scoprendo le forme, i colori, la profondità..

COME POSIZIONARE IL MOBILE
  • sopra il materasso delle attività, avvitando saldamente al soffitto un gancio che dovrà essere abbastanza robusto da non cadere quando il bimbo riuscirà ad afferrare il mobile tirandolo a sè.
  • appendere il mobile a 20-25 cm sopra la testa del bimbo  (bìnon deve essere proprio sopra il volto del bimbo)
  • la posizione del mobile deve permettere al neonato un giusto angolo visivo, assicurandogli una corretta posizione di schiena e collo.
  • quando il bimbo manifesta un calo di interesse per il mobile e sembra desideroso di vedere altro, cambiarlo. Generalmente la rotazione dei mobiles avviene ogni 2/3 settimane

COME REALIZZARE IL MOBILE

  • FAI DA TE: è possibile realizzare un mobile in casa: bastano un pò di pazienza e tempo libero ma l'esito è generalmente molto gratificante. Nei libri dedicati al Metodo Montessori, come per esempio " 60 attività Montessori per il mio bebè" ci sono dei tutorial molto semplici da seguire.
  • ACQUISTO ON-LINE su ETSY, la piattaforma specializzata nella vendita di oggetti fatti a mano.

.

IL MOBILE di MUNARI ( dalle prime 3 settimane )

 

E il primo mobile da presentare al neonato. Ideato dall'artista BrunoMunari (1907-1998), questo mobile si rivolge all'innato senso dell'ordine e delle relazioni matematiche presenti nell'essere umano fin dalla nascita. Bruno Munari ha fatto parte del Movimento Arte Concreta, promotore di un'arte non figurativa che prende forma con il colore, lo spazio, la luce e il movimento. Ha creato numerose sculture aeree mobili e dei "prelibri" per piccolissimi.

Dato che alla nascita la vista del bebè ancora un pò confusa - pur distinguendo le forme, i movimenti ed elementi con forti contrasti - questo mobile dagli elementi molto leggeri, che ruotano lentamente intorno all'asse centrale a seconda del movimento dell'aria, è in grado di attirare l'attenzione del piccolo che l'assimilerà osservandone intensamente i contrasti, le forme, le proporzioni e l'equilibri degli elementi. Il mobile va posizionato vicino al bimbo ( che non può ancora adattare la vista ad un oggetto distante ) ma comunque abbastanza lontano perchè non possa essere toccato.

IL MOBILE degli OTTAEDRI (a partire dalle 6 settimane)

 

Il neonato vede i colori fin dalla nascita ma ha difficoltà a distinguere le tonalità vicine. Questo mobile dai colori vivaci primari, costituito da volumi geometrici, offre nuove nozioni da esplorare ed assimilare: il bimbo si concentrerà seguendo con gli occhi gli ottaedri che ruotano lentamente.

IL MOBILE di GOBBI  (tra i 2 e 4 mesi)

 

Tra i 2 e i 4 mesi il neonato distingue sempre meglio i colori e le loro sfumature. Questo mobile, creato da Gianna Gobbi, collaboratrice di Maria Montessori che lavorava coi piccolissimi, si compone di una serie di 5 sfere in diverse gradiazioni dello stesso colore. Adatto alle nuove competenze del bimbo, gli permette di assimilare ulteriori nozioni: le sottili sfumature del colore e la profondità di campo creata dalle sfere ad altezza sempre maggiore. Ogni sfera del mobile è rivestita di filo da ricamo che riflette armoniosamente la luce. Le sfere, allineate, seguono un moto ascendentee il loro lieve dondolio affascina e rilassa.

IL MOBILE dei BALLERINI (verso i 3-4 mesi)

 

Questo mobile è costituito da 4 forme figurative stilizzate di circa 17 cm di altezza, in leggera carta iridiscente che riflette la luce. Ogni personaggio è fatto di 3 parti che si muovono indipendentemente l'una dall'altra. dando l'impressione di ballare. Il mobile va sospeso abbastanza vicino al bimbo in modo tale che i movimenri delle sue braccia, pur non toccandolo, creino uno spostamento d'aria che farà ruotare delicatamente le figure. Va inoltre posizionato a livello del bacino in modo che agitando le braccia il bebè mantenga una corretta posizione della schiena. Per il bimbo sarà un esercizio di concentrazione e di controllo del movimento volontario delle braccia. 

......................

GLI OGGETTI SOSPESI

Dai 4 mesi in avanti il neonato sviluppa la percezione dei rilievi ed è più capace di distinguere la distanza tra le cose e se stesso. Grazie al maggiore controllo delle braccia è in grado di afferrare con più precisione alcuni oggetti  ( come per esempio,  gli occhiali o i capelli della mamma! )

  

Quando il neonato comincia a cercare di afferrare tutto ciò che si trova alla sua portata, entra in un nuovo periodo sensitivo di scoperte: esplora il rapporto tra la vista e il tatto. In alternativa ai mobiles si possono proporre oggetti sospesi da afferrare. Per afferrare un oggetto il bimbo necessita di concentrarsi: i suoi gesti non sono rapidi e non tiene a lungo in mano ciò che ha preso, per questo motivo l'oggetto da proporgli deve essere legato ad un elastico o nastro in modo che possa afferrarlo, lasciarlo, riprendere la mira e tentare nuovamente di afferrarlo.

L'oggetto da proporre al bimbo deve essere resistente, abbastanza grande da non poter essere inghiottito, non deve essere dipinto con sostanze chimiche.

L'ANELLO

Il bimbo impiega un'immensa energia per coordinare i movimenti delle braccia e delle mani nell'afferrare l'anello e - momento magico - portarlo alla bocca!

  • scegliere un anello di legno di circa 8 cm di diamentro e 1 cm di spessore
  • appenderlo ad un nastro robusto legato ad un elastico per aumentarne la duttilità
  • posizionare l'anello in modo che sia alla portata del braccio teso del bimbo
  • può essere verniciato con vernice ecologica, non tossica

IL SONAGLIO

Questo piccolo oggetto lucente richiede al bimbo maggiore destrezza dell'anello, costringendolo ad una più intensa concentrazione per riuscire a toccarlo. Il sonaglio introduce una nozione nuova: il bambino comprende che il suono è collegato al suo gesto: tintinna quando lui lo tocca ed ha raggiunto il suo scopo (il che gli procura un gran piacere)

  • fissare ad un nastro un sonaglio di circa 4cm di diametro
  • cucire il nastro ad un pezzo di elastico per renderlo più duttile
  • fissare il sonaglio alla portata del braccio teso del bimbo

....................

ALTRI OGGETTI SOSPESI

In alternativa ai mobiles, all'anello e al sonaglio, si suggeriscono oggetti sospesi con figure colorate, di legno o di carta o ceramica: pesci, farfalle, uccelli e altri riproduzioni di elementi presenti in natura. Il bimbo seguirà con gli occhi i pesci che nuotano o gli uccelli che volano sopra di lui e comincerà ad alzare le gambe per cercare di toccarli coi piedini.