6-12 mesi: LIBRI IN STOFFA e TATTILI

Spread the love

6-12 mesi

Generalmente verso il 6°mese il neonato incomincia ad essere in grado di stare seduto con la testa dritta e grazie alla coordinazione dei movimenti di occhi e mani è in grado di iniziare anche a manipolare ed esplorare i libri.

Questa è anche la fase del "portare tutto alla bocca" ed anche il libro diventa oggetto da esplorare con tutti i sensi.

In questa fascia d'età sono indicati libri con immagini di qualità, in grado di destare l'attenzione ed interesse del bambino.

Da preferire libri che ritraggono volti umani, animali, oggetti della vita quotidiana, specialmente se disegnati in modo nitido e con colori primari. Si consigliano libri con testi brevi.

LIBRI TATTILI

Il libro, proposto in questa veste, sottolinea il suo aspetto oggettuale, presentandosi come un vero e proprio gioco di esplorazione. Il piacere della lettura e dell'ascolto è bene che venga coltivato ancora tramite la voce della mamma e dei familiari, grazie a canzoni,  filastrocche, storielle (anche senza la necessaria proposizione di immagini e di libri)

LIBRI IN STOFFA:

Libri-gioco impostati secondo una struttura ad immaginario (immagine - parola): sono stampati su stoffa invece che su carta: in questo caso non c’è alcuna stimolazione sensoriale, ma semplicemente un supporto diverso da offrire al bambino.

Solitamente hanno pagine che fanno rumore quando sfogliate, oppure pulsanti che, quando premuti, generano suoni diversi. Il principale vantaggio di questi libri è che sono totalmente lavabili, e permettono al bambino piccolo di prendere dimestichezza con l'oggetto libro senza correre il rischio di farsi male.

 

------

LIBRI BAGNO:

Libretti realizzati appositamente per essere inseriti in acqua, super sicuri e resistenti

 

Sempre molto usati durante il bagnetto, personalmente li abbiamo usati anche come libretto privilegato da portare in viaggio, essendo morbido, pieghevole e leggero.

-----

LIBRI CON INSERTI TATTILI:

 Hanno l'obiettivo di stimolare il bambino tramite la percezione tattile di materiali differenti, inseriti nelle pagine cartonate con più o meno coerenza: qui il gioco è usato per comunicare con il  neonato attraverso un codice sensoriale a lui affine.

Oltre agli inserti realizzati in varie tipologie di tessuto (velluto, lana, pelo, seta sono degli esempi), i libri tattili contengono spesso delle alette o linguette che permettono al bambino di "scoprire" degli elementi della pagina non immediatamente riconoscibili, alimentando la sua curiosità e il suo divertimento.

Con Kristel Sundari mi sono trovata benissimo con la serie di "COCCOLE e COCCOLE MINI" di Macrolibrarsi:

Altra collana molto valida è  "SCORRI e GIOCA" di Gallucci: ricca di stimoli tattili, disegni colorati e testi essenziali, propone una serie di libri che insegnano a dare un nome alle cose.

  • Colori
  • Cibo
  • Corpo
  • Vestiti
  • Animali della fattoria
  • Le forme
  • La mia famiglia
  • Numeri
  • etc

In pratica, i LIBRI CON INSERTI TATTILI  sono utilissimi per favorire lo sviluppo cognitivo del bambino, stimolare l’apprendimento del linguaggio, per interessare e divertire, garantendo così un positivo incontro precoce con l’oggetto libro.

Generalmente ogni libro è diviso per argomenti i quali sono un pretesto per introdurre azioni e parole familiari ai bambini, in modo che essi siano in grado di fare distinzione e sperimentare anche nella propria personale esperienza, compiendo così un importante lavoro di astrazione e riconoscimento.

Le pagine che sono animate da semplici meccanismi (alette e linguette) e che quindi possono essere messi in movimento dalle dita piccine, permetteno al piccolo lettore di partecipare al gioco e interagire con il libro ancora meglio.

Prima dei 3 anni il bambino è decisamente più interessato al fare che al sapere e, in un libro, più che la possibilità di immedesimarsi o di viaggiare con la fantasia, cerca la fattività dell’azione, se molto piccolo, oppure l'"affiancamento simbiotico" (Luigi Paladin: ossia l’esperienza, comunque astratta e immaginata, di agire insieme al protagonista di una storia) se appena più grandicello.

Coinvolgere quindi un bimbo piccolo con vere e proprie azioni, durante la lettura, è sicuramente una strategia vincente per appassionare.

NB:  se sei alla ricerca di libri tattili unici, di qualità, fatti artigianalmente e pensati per ogni età cerca presso la Federazione nazionale delle istituzioni prociechi.

........

Speciale menzione d'onore per questi 2 libri:

  1. BUONGIORNO ALBERO!:   di A. Scardovelli-E. Zegna ed edito da EDI BIMBI durante tutto il 2019, tra i  13 e i 22 mesi, esso ha accompagnato Kristel Sundari nella scoperta delle caratteristiche di ogni stagione, raccontando la vita di un albero di melo.

INVERNO

PRIMAVERA

ESTATE

 

AUTUNNO

Kristel Sundari ha iniziato ad interessarsi a questo libro nel 2018, a 10 mesi:

Essendo ciascuna pagina dedicata ad un colore diverso, durante il 2019, a partire dai 18 mesi, le ho riproposto il libro in modo creativo ed interattivo, collegando i vari colori alle SPOLETTE dei COLORI propri del Metodo Montessori e al gioco tramite le "LOOSE PARTS" il materiale destrutturato tipico degli Atelier del Reggio Children Approach.

 

Da come si può capire, QUANDO presentare una tipologia di libri ad un neonato è abbastanza chiaro e preciso (perchè è studiato in base alle tappe dello sviluppo psico-fisico del bambino)  ma poi, se il libro piace, esso può essere utilizzato dal bambino (e dall'adulto che glielo propone magari in altri modi creativi) anche per molti mesi e anni a venire. Perchè un buon libro è come un buon amico: non si scorda mai!