0-6 mesi: LIBRI B/N e LIBRI CARILLON

Spread the love
  • "Se volete che un bambino sia intelligente leggetegli delle favole.
  • Se volete che diventi più intelligente, leggetegli più favole"
  • (A. Einstein)

........

0-6 mesi

Il progetto Nati per Leggere conferma che solo a partire dai 6 mesi il neonato matura le basi cognitive per accorgersi che il libro è un oggetto a sé, con delle proprie caratteristiche, differente dalle altre cose con cui gioca. Da ora in poi sarà anche in grado di afferrarlo da solo, di toccarlo, rigirarlo ed esplorarlo con tutti i sensi.

Compito degli adulti è quello di investire nella prima infanzia (consapevoli che i bambini, fino a 4 anni, vivono una incredibile fase di apprendimento, irripetibile, definita "età fertile del cervello" dalle neuroscienze), fornendo stimoli adeguati che permettano di nutrire la mente dei bambini fin da subito, anche andando alla ricerca di libri che sanno di buono, secondo la bella definizione di Luigi Paladin ( Liber n. 107, Luglio Settembre 2015 ) riferendosi alle proposte di lettura per la fascia 0-3 anni.

Per questo, anche prima dei 6 mesi è comunque altamente consigliabile leggere e mostrare ai neonati i libri perchè questo aiuta a favorire la familiarizzazione con l’oggetto libro e farlo diventare un elemento conosciuto con spontaneità e naturalezza, così che diventi un compagno di vita.

ASCOLTARE LA VOCE

In questo periodo della vita è bene però ricordare che l'ASCOLTO della VOCE UMANA è l'attività più importante e centrale per il neonato. Si consiglia alla mamma, al papà (o all'adulto di riferimento che si occupa del bambino) di CANTARE, RACCONTARE  e PARLARE MOLTO col neonato. Ma attenzione: non è importante COSA si comunica ma COME lo si comunica.

 

E' bene incoraggiare le prime forme di conversazione, tramite vocalizzi, suoni e musicalità (come ninne nanne, filastrocche e brevi racconti) perchè producono piacevoli effetti sonori e, grazie al ritmo, le ripetizioni e le rime, aiutano nella memorizzazione.

LIBRI in BIANCO E NERO

Nelle prime settimane di vita la vista del bambino non è ancora ben definita. Un neonato è in grado di distinguere solo ciò che gli viene posto a una distanza molto ravvicinata (circa 20-25 cm) dal suo viso. Utilizzare stimoli con forti contrasti e contorni netti e regolari si rivela molto utile per soddisfare e sostenere le sue capacità e necessità. Il contrasto bianco-nero è uno stimolo per il cervello dei neonati.

"Se l’immagine è troppo complessa, il bambino ha difficoltà a cogliere l’insieme, perciò si focalizza su tanti piccoli particolari, a volte senza collegarli tra di loro, perdendo il senso del messaggio" ( Luigi Paladin)

Per questo, partendo dalla GIOSTRINA DI MUNARI,

esistono sia LIBRI SPECIFICI che  presentano pagine nere o bianche su cui risaltano figure a contrasto di animali, oggetti, forme geometriche o elementi naturali come per esempio:

  • Un bacio, di Emanuela Bussolati e Silvia Morara (editore Franco Cosimo Panini)

  • Black & White, di Tana Hoban (HarperCollins Children’s Book, 2007)

  • Ciccì Coccò di Enzo Arnone e Bruno Munari

  • Les animaux de la ferme, di François Delebecque, Les Grandes Personnes, 2010

sia CARTE SPECIFICHE B/N. Personalmente, con Kristel Sundari, io ho usato le bellissime carte offerte gratuitamente da Little Lifelong Learners perchè, una volta scaricate e stampate era più comodo appenderle vicino al suo spazio gioco, vicino alla specchio o nella culla.

 

IMPORTANTE: nella selezione e scelta di libri 0-6 mesi l’attenzione e priorità vanno poste sulla forma, sui contorni e sui confini delle immagini, in modo che appaiano evidenti e separati dal fondo, riconoscibili. I libri per la prima infanzia dovrebbero concentrarsi prevalentemente sulla forma, rispettando sempre l’essenza delle cose, altrimenti il cervello del neonato non le riconosce, non riesce a identificarle.

LIBRI CARILLON

Come descritto nella sezione 12-18 mesi che parla dei LIBRI MUSICALI, la musica rappresenta una sorta di anello di congiunzione tra la sfera razionale e quella emotiva: un ascolto di melodie destinate ad un pubblico di bambini permette ai più piccoli sia di provare emozioni a loro sconosciute sia di analizzare in modo embrionale quella sequenza di note che è riuscita a generare un effetto straordinario.

In questa fascia d'età più che di libri musicali per bambini si parla di libri carillon, ossia di semplici oggetti ( non per forza dei libri veri e propri ) che a melodie dolci abbinano immagini in piena sintonia con il contenuto sonoro con l'obiettivo di rilassare il neonato e di stimolare al contempo la sua immaginazione (grazie alla creazione del ponte che si viene a formare tra immagine e suono)

.

.

es: questo  morbido e colorato coniglietto-carillon, è pensato per accompagnare il bambino verso il sonno, ma anche per stimolare il suo gioco visivo, uditivo e tattile.

La sera, la dolce melodia del carillon calma il bimbo e lo culla nel sonno.

Di giorno, il coniglietto è un gioco da abbracciare, perlustrare con il tatto e persino sfogliare, grazie al mini-libro in stoffa: ogni pagina presenta belle e semplici illustrazioni a colori dei primi oggetti che circondano il bebè.

 

.

.

Per Kristel Sundari io ho usato GOOD NIGHT STARS della CHICCO che diffonde musiche classiche, suoni della natura, brani new age, proiettando nella cameretta un cielo stellato ( e funziona anche come lampada colorata)