Spread the love
.
Se il bambino non ha potuto agire secondo le direttive del suo periodo sensitivo,
è perduta l’occasione di una conquista naturale:
ed è perduta per sempre
(Maria Montessori - Segreto dell'Infanzia)

I  PERIODI SENSITIVI 

Durante questi periodi sensitivi la CAPACITA' di CONCENTRAZIONE del bambino è IMMENSA: assorbito interamente da quello che fa, COSTRUISCE SE STESSO provando nel contempo un profondo SENSO DI CALMA  e di PACE INTERIORE

  1. LO SVILUPPO DEI SENSI (0-6 anni): il bambino ha bisogno di esercitare tutte le sue facoltà sensoriali: annusare, toccare, assaggiare.. Esplora il mondo coi sensi e sente il bisogno di svilupparli e affinarli
  2. IL LINGUAGGIO (3 mesi-5 anni e mezzo): inizialmente il bambino è molto colpito dalla voce umana e dal movimento della bocca che parla. Successivamente sarà particolarmente interessato ai suoni delle parole e delle lettere e subito dopo alla scrittura e lettura.
  3. L'ORDINE (0-3 anni, con apice a 2 anni): la costruzione dell'intelletto sembra passare per questa fase vitale di organizzazione. Le esperienze e impressioni del bambino vengono collocate in uno schema organizzato nel suo cervello. Questa banca dati è costituita dalle sue prime esperienze di vita e determinerà la sua concezione del mondo. Un bambino di 1 o 2 anni sarà più felice e più capace di costruire se stesso se il suo quotidiano è fissato in maniera ordinata e costante. L'ORDINE ESTERIORE concerne per esempio la sistemazione degli abiti o dei giocattoli, che devono sempre trovarsi nello stesso luogo. E' importante anche INSTAURARE una ROUTINE QUOTIDIANA delle FASI della GIORNATA: alzarsi, lavarsi, vestirsi, mangiare etc ... Il bambino deve anche poter comprendere quando la famiglia si riunisce e si mette a tavola, in quale stanza, quando i diversi membri escono o rientrano a casa ... Durante questo periodo è importante PROPORRE AL BAMBINO di SELEZIONARE, CLASSIFICARE, RIPARTIRE IN SCATOLE perchè OGNI COSA SIA AL SUO POSTO. E' consigliabile anche organizzare attività che concernano la classificazione e la scelta, per esempio guardando insieme libri lllustrati in cui "tutto ciò che esiste al mondo" è classificato per categorie: gli oggetti che si trovano in cucina, quelli che stanno in bagno etc ..
  4. I DETTAGLI (verso i 2 anni): fase breve ma importante. La sensibilità per i dettagli corrisponde ad un periodo in cui il bambino osserva oggetti molto piccoli, suoni impercettibili, particolari nascosti ... Quando è attratto da qualcosa che si percepisce a fatica, il bambino vi dedica tutta la sua attenzione e può così sviluppare la facoltà di concentrarsi su quel piccolo stimolo, escludendo tutto il resto. Questo periodo permette di risvegliare la facoltà di controllare la mente e di lavorare sulla concentrazione
  5. LA COORDINAZIONE dei MOVIMENTI (2 anni e mezzo-4 anni): è l'attitudine a usare scientemente e con precisione ogni parte del corpo, come mani e gambe. Per es, un bimbo di  3 anni adora lavarsi le mani non tanto per averle pulite quanto per il piacere di studiare la manipolazione in ciascuna fase: aprire il rubinetto, tenere in mano un sapone che scivola, strofinarsi le mani per produrre schiuma, sciacquare ed asciugarle. Secondo Maria Montessori, "la mano è lo strumento dell'intelligenza". E' facendo che il bambino comprende. Questa fase permette di sviluppare le connessioni che il cervello esegue in quei momenti.
  6. IL COMPORTAMENTO SOCIALE/RELAZIONE CON GLI ALTRI (2-5 anni): in questo periodo il bambino è attento all'effetto che il suo comportamento provoca sulle azoni e i sentimenti degli altri. Fino ai 2 anni e mezzo tende a giocare da solo o vicino agli altri. Da ora in poi si interessa alla collaborazione: gioca con gli altri, prova i primi sentimenti d'affetto e tesse i primi legami di amicizia. In questo periodi si interessa alle regole delle relazioni sociali come la buona educazione e, in particolare, al comportamento da tenere a tavola.