PRINCIPI della PEDAGOGIA MONTESSORI

Spread the love

"Una cosa è chiara: è una pulsione inconscia che nell'età della crescita, della costruzione dell'individuo, lo invita a evolversi. Essa sola può rendere i bambini veramente felici esortandoli al massimo sforzo pur di arrivarvi. E' dunque lecito affermare che l'infanzia è un'età di "vita interiore" che conduce gli esseri umani a crescere e a perfezionarsi"
(Maria Montessori - "La Formazione dell'uomo")

.

I PRINCIPI della PEDAGOGIA MONTESSORI
  1. AUTONOMIA: il bambino rivolge all'adulto una richiesta che nasce dal profondo e consiste nell'"AIUTARLO A FARE DA SOLO" ovvero nel mostrargli come, per esempio, può versare dell'acqua da una piccola brocca in un bicchiere o come allacciarsi le scarpe. Per acquisire tali capacità, il bambino a volte dovrà svolgere l'attività e ripeterla più volte, perchè solo così impara in modo naturale e acquisisce sicurezza e fiducia.
  2. AMBIENTE PREDISPOSTO: il bambino ha bisogno di evolvere in un ambiente sereno in cui gli vengono proposti dei libri e del materiale accessibile che corrisponda ai periodi sensitivi che attraversa. Tale ambiente evolve in funzione della sua età.
  3. MATERIALE SENSORIALE: per appropriarsi dei concetti e delle capacità di astrazione, come per es. il suono delle lettere e il tempo che passa, il bambino deve manipolare del materiale concreto facendo appello ai suoi sensi. Questo materiale è AUTOCORRETTIVO: gli permette di apprendere dai suoi stessi errori. Il DIRITTO di SBAGLIARE è importante: non si tratta di distinguere tra "giusto" o "sbagliato" ma di esercitarsi, di comprendere l'attività e di perfezionarsi nella sua realizzazione e nel ragionamento che la sottende
  4. PERIODO SENSITIVI: il bambino attraversa dei periodi speciali durante i quali dedica tutte le sue energie ad acquisire una competenza in particolare. Sono periodi transitori e se in questi momenti il bimbo non riceve stimolazioni perde l'occasione di imparare e in seguito dovrà fare un grosso sforzo per recuperare un apprendimento che non sarà più facile come all'inizio.